Apocalisse e New World Order

05/11/2022 0 Di Samu

L'”Apocalisse” o “Libro della Rivelazione” è l’ultimo libro del Nuovo Testamento de “La Sacra Bibbia”. Scritta dal profeta Giovanni, costituisce uno dei testi più difficili da interpretare.

“…è una profezia? Un’anticipazione dell’imminente futuro? Rappresenta un codice non ancora decifrato? O un’enigma che non sarà mai risolto?”

Abbiamo voluto riportare nel video passi tratti dal libro dell’Apocalisse avendo trovato molte similitudini con gli eventi degli ultimi anni, nonchè correlazioni con il programma dell’Agenda del NWO.

Il libro dell’Apocalisse ha da sempre suscitato molto interesse tra gli studiosi o semplici appassionati. Tratta delle visioni celesti dell’apostolo San Giovanni, intervallati da simbologie e racconti enigmatici che lasciano alla libera interpretazione di ognuno.

E’ un libro sacro non solo simbolico, ma narra di scenari apocalittici, quali pestilenze, malattie, carestie e guerre nel mondo….con riferimenti chiari e precisi con ciò che stiamo vivendo in questi ultimi tempi.

Dove nascerà il Falso Profeta? In quale città si manifesterà l’Anticristo? E cosa succederà nel mondo secondo le descrizioni di San Giovanni?…E soprattutto, chi sono gli attori principali dell’ultima battaglia tra il Bene e il Male, l’ “Armageddon”?

L’introduzione del libro è rappresentata dai primi 5 capitoli (le lettere alle Chiese, l’adorazione di Dio da parte dei quattro esseri viventi e dei ventiquattro anziani e l’intronizzazione dell’Agnello).

Le visioni di San Giovanni hanno inizio a partire dal capitolo 6-11. Descrivono l’apertura del libro dai “sette sigilli”, l’invio della serie dei flagelli, con i quattro Cavalieri dell’Apocalisse (conquista, guerra, carestia e morte) e le coppe dei castighi di Dio sulla terra.

La seconda parte dell’opera riguarda la visione della donna che subisce la persecuzione del drago con le sette teste e dieci corna, la bestia che viene dal mare, i sette calici sono seguiti dall’annuncio della caduta di Babilonia, la famosa prostituta.

Chiudono il Libro i capitoli 19-22, con la sconfitta della Bestia, il giudizio finale e l’avvento della “Nuova Terra”.

L’Apocalisse è massima espressione del genere letterario apocalittico. Caratteristiche principali di questo genere sono: le visioni, le immagini e i simboli. Le visioni sono esperienze visive che l’autore afferma di aver ricevuto e che cerca di trasmettere fedelmente, non sono però da ritenersi fatti storici. I simboli, per esempio quelli numerici, fanno riferimento a realtà spesso nascoste e da interpretare in modo corretto, caratteristiche senza un’immediata coerenza, per cui ad una prima lettura lasciano sconcertato il lettore.

Nel genere apocalittico, passato, presente e futuro non hanno tempo. Non è sempre facile collocare esattamente un certo fatto nella sua dimensione temporale esatta. Anche se il libro è tutto scritto al futuro, il suo intento è oltremodo rivolto al presente.

Tali verità sono formate da verità di fede, vale a dire fatti che sono segni divini precursori di altri eventi che accadranno inevitabilmente, che nessuna creatura umana può rallentare o impedire, e che vengono profetizzati perchè il genere umano si prepari in anima e corpo alla loro manifestazione.