Tra poco é Natale: cerchiamo di pensare anche a chi sta peggio di noi!

12/18/2022 0 Di Samu

Ci stiamo avvicinando a Natale ed é un’ occasione per riflettere e per pensare anche a chi sta peggio di noi. Mi vengono sempre in mente i video che circolavano poco tempo fa e che ho pubblicato sui miei canali, di file interminabili alla Caritas o al Pane Quotidiano, di cittadini di Milano, Roma ed altre città italiane.

Siamo nel 2022, mi chiedo come questo sia possibile al giorno d’ oggi. Code di persone in fila per un pasto tutti i giorni e sicuramente saranno in migliaia anche a Natale, a chieder aiuto a questi enti di beneficienza!

A volte non sappiamo o non immaginiamo neanche che proprio colui che ci vive accanto é una persona indigente che ha bisogno quantomeno di un piccolo gesto di carità nei suoi confronti. Proprio i giorni di festività come il Natale, purtroppo, sono visti da alcuni individui più fragili, come periodi in cui sentono maggiormente la loro sofferenza e solitudine.

Il mio pensiero va anche a persone sofferenti che passeranno il Natale in ospedale, i senza tetto, i carcerati, di cui molti tra questi sono in carcere senza essere colpevoli.

Il mio messaggio per questo Natale é che non serve fare tanti regali inutili inseguendo il consumismo, ma di spendere bene per regali che possano essere davvero utilizzabili ed apprezzati. Cerchiamo anche di pensare a chi é meno fortunato di noi, ad esempio un vicino di casa indigente o che trascorrerà il Natale in solitudine perché non ha familiari o amici.

Ma non deve essere un gesto ipocrita dettato dalla pena o dal “dovere” di aiutare il prossimo, bensì un gesto fatto con il cuore.

A volte basta poco, un sorriso, una parola gentile, un piccolo dono, per cambiare la giornata a qualcuno!

Samu-News.